AMATORI: UN TEST FACILE FACILE PER MIGLIORARE IN SALITA

conconi1

Avete mai fatto un test Conconi? Se non sapete neanche cosa sia  ora provo a dirvelo in poche parole. E’ una prova incrementale che viene fatta al chiuso solitamente con la vostra bicicletta montata su un simulatore oppure su un cicloergometro. Si comincia a velocità molto bassa e, a intervalli regolari, si aumenta lo sforzo, ma molto lentamente, fino ad esaurimento. Questo test dovrebbe permettere di stabilire la vostra frequenza cardiaca di soglia cioè quel limite oltre il quale c’è accumulo di acido lattico. A dir il vero le cose sono un po’ cambiate in questi ultimi anni perché non si dovrebbe parlare più di soglia ma di critical power e qui le cose si complicano un po’. Ma non perdiamoci su argomenti troppo complicati. Io, nei tanti test fatti, riuscivo a toccare 185/187 pulsazioni e mi dicevano che la mia soglia era di 170/172 cioè il 92% circa rispetto alla frequenza massima.  Programmavo l’allenamento specifico su quelle frequenze cioè ripetute di 15’-30’ intorno a 170 senza mai oltrepassare le 172 p/m . Ora i professionisti si allenano in base ai watt di potenza. Cioè calibrano le varie ripetute controllando il wattaggio.  Chi va in bici sa che tutti i giorni non sono uguali e che potrebbero esserci sbalzi elevati,  quindi diventa difficile calibrare l’allenamento basandosi solo sulle frequenze. Io, tanto per farvi un esempio pratico, se in corse di un giorno riuscivo a stare per diversi minuti a 180, in qualche tappa del Giro non riuscivo a oltrepassare le 140. Ben 40 battiti di differenza. Motivo? Stanchezza, mancanza di recupero. Le pulsazioni variano i watt no.

Noi non siamo cosi tecnologici ma vi suggerisco un metodo per stabilire un valore che alla fine risulterà utilissimo. Munitevi di un cardiofrequenzimetro, sul mercato ne trovate alcuni anche a prezzi ragionevoli. Trovate una salita abbastanza lunga, circa 6/8 km in modo da poterla fare in 20/25 minuti. Fate partire il cronocardio in modo da poter analizzare poi i dati. Deve essere uno sforzo  da “cronoscalata” quindi belli impegnati.  Meglio se prima avete fatto qualche km (20-30) di riscaldamento.

Finito il tutto controllate la media della vostra frequenza cardiaca del settore cronometrato. Viene fuori 170 pulsazioni? Bene allora il vostro allenamento ottimale per migliorare è affrontare salite non superando le 160 quindi 10 in meno. Quando fate questa prova dovete essere freschi e non dopo una gara o una gran fondo.

Anche quando siete impegnati in una gran fondo cercate di rispettare questo limite (160 p/m) altrimenti correte il rischio di scoppiare. Ok?

4 Commenti

  1. uelaa!!baciatevi le manine che son l’unico mona che fa ftrogoafie correndo…manco poco al mio compleanno gianluca…una digitale andrebbe bene,vero alvin??andrea a te nn ti dico niente,ci siamo capiti?

  2. I’m impressed! You’ve managed the almost impossible.

  3. Likened to yellow metal, us platinum looks similar to rain water. It may well wonderfully exhibit beautiful girls of girls. The fact is, intelligent women of all ages will be carried out with looking nicely put together their selves by using yellow metal decorations.

  4. Grazie Davide

Lascia un commento