Ritorno da Rio

Ciclismo-696x443

Rio é ormai a due ore Di distanza. Un aereo mi sta portando a casa dopo 30 giorni di Brasile. Quando sono salito ero felicissimo di ripartire perché i miei cari e la mia casa mi mancano davvero tanto. E non posso non pensare a quella povera gente che non ha più una casa ed ha perso i suoi cari.
Qualche giorno fa ho sentito Nibali al telefono, era dispiaciuto ma sereno, tranquillo. A distanza di tanti giorni dalla corsa ha voluto ribadirmi il dispiacere non tanto per lui ma per i compagni di nazionale che tanto avevano fatto per lui. Sotto questo punto di vista è stata una spedizione straordinaria. Avevamo curato tutto nel minimo dettaglio. In corsa i ragazzi sono stati perfetti. De Marchi che, dopo 20 km, viene in coda a dirmi che non c’ è possibilità per noi italiani di andare in fuga perché, spagnoli inglesi e francesi ci marcano a uomo, e proprio per non sfiancare In scatti inutili Caruso e Rosa, ritiene giusto sacrificarsi lui. Ora avete capito perché non c’era un italiano davanti.
Caruso doveva sganciarsi al primo giro della salita lunga portando via una fuga ma sempre pensando che dietro sarebbero potuto rientràre Aru e Nibali come puntualmente è successo.
Ho passato 30′, quelli dell’ ultima salita, con il cuore in gola. Un mix di ansia, emozione, timore, speranza che neanche mi permetteva di stare seduto in macchina. Quando é cominciata la discesa e la radio ha comunicato il vantaggio dei tre sugli inseguitori ho preso la testa tra le mie mani. Non guidavo io, ma Marco Velo. Ad un certo punto radio corsa dice un nome: Maika e niente più. Passa qualche secondo, Alzò gli occhi e li, davanti a me, steso sull’asfalto c’ è Vincenzo. Scendo dalla macchina ma non riesco a dire nulla. Gli vado vicino, lui si lamenta per la spalla, gli fa male. Finisce lì, il nostro sogno di conquistare la medaglia d’ oro alle olimpiadi, un sogno che Nibali cullava da anni.
E dire che tanti hanno criticato l’avvicinamento di Vincenzo. Ma come, un campione come lui che va al tour per fare il gregario? È uno scandalo, una brutta cosa.
I detrattori sicuramente non sanno minimamente cosa vuol dire cercare di realizzare un sogno. Vincenzo veniva dalla vittoria al giro e l’ unica possibilità che aveva di vincere a Rio era partecipare al tour senza fare classifica. Per realizzare dei sogni, per raggiungere degli obbiettivi bisogna sacrificare qualcosa e Vincenzo era determinato in questo. Non l’ avevo mai visto così sereno e fiducioso come nei giorni precedenti la corsa. Questo cosa vuol dire? Che quando pensi fortemente a qualcosa di bello, quando ti concentri su qualcosa che sogni da anni, a qualcosa bisogna rinunciare. Infatti i primi quattro di Rio hanno fatto il tour disinteressandosi della classifica e tutti coloro che si sono spremuti per farla, bene o male hanno pagato dazio. E poi vogliamo parlare di Vincenzo gregario? Ma se continuiamo ad elogiare tutti quei corridori che lottano e lavorano per gli altri, perche non possiamo farlo anche con i campioni? Chi sono loro? Perché non possono aiutare? Dove sta scritto? Vi dico una cosa, i campioni, anzi i Campioni con la C maiuscola, sono quelli che vincono e si mettono a disposizione. I Campioni sono coloro che ogni tanto mettono da parte il loro egoismo e donano la loro abilità mettendola a disposizione della squadra. Come del resto ha fatto Aru per Nibali a Rio. Non dimenticherò mai le parole che Fabio ha detto guardando in faccio Nibali la sera dopo la corsa olimpica:” Mi dispiace che tu vada via dall’ Astana perché da te ho imparato molto e in questi ultimi mesi ho capito tante cose”. Questi sono i veri campioni. Coloro che mettono gambe e umanità, che quando pedalano ci emozionano e quando parlano ci fanno capire di che pasta sono fatti.
Poi una caduta ti ruba un sogno che sta per avverarsi ma tutto il resto rimane ed è per questo motivo che non sono dispiaciuto per non aver visto vincere Nibali perché da questa olimpiade mi porto a casa qualcosa di molto più importante: l’onesta, la dedizione, il sacrifico, lo spirito di squadra di 5 ragazzi che mi hanno regalato una giornata che mai dimenticherò nella mia vita. Lotto e lotterò con tutte le mie forze per vincere, curerò nei minimi dettagli ogni volta che schiererò una squadra al via di una corsa ma non sono per la vittoria ad ogni costo. Le corse tante volte ti lasciano qualcosa di bello anche se non le vinci.
Ho avuto un maestro nella mia vita, Alfredo Martini. Sono sicuro che se fosse stato ancora al mondo la sera del 6 agosto avrebbe telefonato a De Marchi, Aru, Nibali, Rosa e Caruso ringraziandoli per quello che avevano fatto. È poi avrebbe chiamato anche me per chiedermi quando sarei andato a trovarlo.
Come l’ultima volta che ci siamo visti, a casa sua, davanti alla televisione guardando NIbali che conquista il tour. Non riusciva più a parlare Alfredo ma quella sua mano a stringere la mia aveva un significato che nessuna parola poteva eguagliare.

15 Commenti

  1. Non so cosa scrivere perché sono sinceramente commosso, non vedo l’ora di leggere il tuo libro. Grazie maestro!

    • Caro Davide, condivido in pieno questi concetti, che per me sono maestri di vita. Lo sport, inutile dirlo, significa passione, sacrificio, dedizione e tanta umanità; alla base c’è il rapporto umano. Sono appassionato della bici sin da piccolo, sono stato un modesto atleta (mezzofondista), ma ringrazio lo sport che mi ha aiutato a crescere ed a comprendere i veri valori della vita (è vero quando ci si incontra in bici si familiarizza subito). Ho seguito in TV con passione la corsa olimpica di Rio, ho vissuto le emozioni e la delusione per quella maledetta caduta, di cui ritengo responsabili gli organizzatori data la pericolsità del percorso, non adatto ad una competizione importante come le Olimpiadi. Sono sicuro che andrà meglio quest’anno ai Mondiali. Forza Azzurri! Con simpatia, Michelangelo Leotta

  2. Bello leggerti …belle parole…bravo

  3. Sebbene da cicloturista, mi sono avvicinato alla bicicletta da pochissimo tempo, ma da spettatore ho seguito con costanza le imprese dei nostri a Rio.
    Uso il termine impresa, perché mettere in piedi ed in poco tempo una squadra che comunque si è dimostrata unita e compatta attorno a Nibali e Aru è già la migliore delle medaglie che si potesse vincere … e si questo passo si può solo vedere rosa per il futuro.
    Complimenti a te Davide e a tutti i tuoi atleti.

    • Kein Problem Die Kiste stellt man nicht auf den vorher aunghscefittenen Kistenboden, sondern so hin, dass die Öffnung nach unten zeigt. Hier kommt dann die weiße Unterlage darunter. Wenn Du noch eine Frage hast, gerne immer her damit!Viel Spaß beim basteln,LG

    • Thank you so very much for the kind words, guys! :) I really have missed this, but after so much time had passed I felt sheepish about jumping back in!

    • Jamestown and Inside a Star-Filled Sky look freaking cool! thanks for introducing these games to me. I’ll definitely check those 2 out for sure as they appeal to me the most.

    • Ang sari och folkdräkt sÃ¥ har ju folkdräkten en gÃ¥ng i tiden varit vardagsplagg. Eller ja, det har ju alltid varit finkläder, men man hade ju samma sak, fast inte lika fint, till vardags. SÃ¥ jag tycket absolut att det gÃ¥r att jämföra.

      • I thought I’d have to read a book for a disrvoecy like this!

      • That’s what we’ve all been waiting for! Great posting!

      • Many thanks to you for sharing most of these wonderful posts. In addition, the right travel and medical insurance strategy can often eradicate those issues that come with journeying abroad. A new medical emergency can before long become extremely expensive and that’s sure to quickly set a financial problem on the family’s finances. Putting in place the suitable travel insurance bundle prior to leaving is well worth the time and effort. Thanks

    • certainly like your web-site however you need to check the spelling on quite a few of your posts. Many of them are rife with spelling problems and I in finding it very troublesome to inform the reality nevertheless I will definitely come back again.

    • msg è semplicemente l’output proveniente dal file di elaborazione che viene richiamato dalla funzione function(msg) in alternativa puoi anche scrivere direttamente lì cosa vuoi far apparire in caso di successo.

  4. Grazie Davide per questo pensiero ! Fa capire molte cose che non sempre vengono espresse !

  5. Ciao …
    Sono il pianista dell’hotel H 10 Meloneras a Gran Canaria …
    Davide ti vedo sempre e ti ammiro per la tua preparzione e competenza …
    Spero di rivederti presto e sappi che ti seguo con passione …
    Il ciclismo é uno sport straordinatio e afascinante
    Un abbraccio …ricordando ir grandi che non ci sono piú …ultimo Michele Scarponi…..Ci manchi tanto …

Lascia un commento